Portale Horeca

Once Upon a Time...

Ultime notizie

Horeca staff 15692

L’enogastronomia traina il turismo


I dati dell’osservatorio Bit promosso da Fiera Milano parlano chiaro, il 49% dei “gastronauti” è straniero, il 50% è italiano. Tutti insieme spendono il 25% del budget della vacanza nel food&beverage. Gli stranieri sono per lo più francesi, tedeschi e inglesi, ma crescono gli americani e si mantengono i giapponesi che scelgono la nostra Penisola per la ricchezza delle tipicità enogastronomiche. Il 75% dei viaggiatori sceglie come meta di vacanza una destinazione rinomata per il cibo spendendo fino al 35% del proprio budget tra cibo e vino, cui si aggiunge l’indotto, inoltre i turisti stranieri, tornati a casa, continuano a cercare prodotti italiani per rivivere anche nei loro Paesi l’esperienza vissuta e creando un effetto di emulazione su nuovi turisti che scelgono l’Italia.


L’effetto è anche supportato da recenti leggi e iniziative istituzionali, dalla approvazione della legge sull’enoturismo di cui vedremo i risultati nel corso del 2018 che «rappresenta una novità storica nel settore - afferma Carlo Pietrasanta, presidente nazionale del Movimento Turismo del Vino - finalmente le attività di visita, didattiche potranno essere regolamentate è supportato dalla normativa con una spinta occupazionale positiva».

Anche il governo ha compiuto aperture in questo senso: «I turisti - commenta il sottosegretario al Turismo Dorina Bianchi - cercano sempre più una “esperienza italiana” durante il loro viaggio. Nostro compito è favorire questa tendenza proponendo percorsi e offerte turistiche che valorizzino i centri minori, il patrimonio di arte, paesaggio e tipicità gastronomiche ed enologiche dei nostri territori. Vanno fatti conoscere, oltre alle grandi mete turistiche e le città d’arte i borghi e le zone di produzione delle eccellenze italiane».

Anche i “distretti del cibo”, recentemente istituiti dal ministero delle Politiche agricole, potranno contribuire, consentendo uno sviluppo costruttivo del turismo agricolo, che unisce alla scoperta di gioielli artistici e naturali, una fruizione “eco friendly” della vacanza.

Tutto ciò crea inoltre un traino alle esportazioni agroalimentari: nel 2017 il volume ha superato i 40 miliardi di euro, con una crescita di oltre il 70% nell'ultimo decennio. Un impatto che è però anche qualitativo: il turismo enogastronomico caratterizza la destinazione, valorizza le mete meno note, contribuisce alla destagionalizzazione e favorisce la fidelizzazione dei viaggiatori.

13,7 milioni gli italiani, riporta il Censis, hanno scelto, nel 2016, vacanze o gite giornaliere enogastronomiche, per un giro d'affari complessivo stimato da Città del Vino (2017) in circa 2,5-3 miliardi di euro, con prospettive di crescita.

Insomma, il settore agroalimentare, enologico e gastronomico può davvero diventare fonte di reddito e sviluppo, serve consapevolezza del valore e qualche battibecco in meno tra comparti e rappresentanze di categoria, polemiche delle quali all’estero non sanno, polemiche che vanno messe da parte individuando, invece, obiettivi di sistema Paese. 

Rate article

No rating
Rate this article:
No rating

Share

Print

Comment

Collapse Expand Comments (0)
You don't have permission to post comments.

 

 

Filiera Horeca

 



Cerca il tuo articolo

 

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2023 - Portale Horeca - P.IVA 09045590016
Back To Top